Sig. Alberto Lagioia
Este, ottobre 2009


Alcuni dermatologi mi hanno segnalato che l’applicazione di MELANIDIN su cute sana deve rispettare alcune regole fondamentali. Tra queste vi è senz’altro una corretta detersione della cute la quale deve avvenire con un prodotto non alcalino allo scopo di evitare spiacevoli macchie. Il DHA e l’Eritrulosio, infatti, tendono ad assumere una concentrazione e quindi anche una colorazione diversa se la cute, ad esempio, è stata detersa con un normale sapone (alcalino) piuttosto che con un prodotto acidificante. L’occasione, pertanto, è quella di segnalare PENTADIN quale miglior detergente perché non soltanto ha un alto potere acidificante ma anche un alto potere emulsionante che permette un’ omogenea pulizia della cute.

Allo scopo di prolungare gli effetti di MELANIDIN, infine, un’altra regola è quella di provvedere, magari qualche ora prima, ad una esfoliazione della cute. Anche in questo caso abbiamo REBIOGER CREMA 5 che con il suo contenuto di alfa idrossiacidi e un pH vicino a 4 si presta in modo eccellente allo scopo.

Tali semplici regole, ovviamente, valgono per tutti gli autopigmentanti anche se molti trascurano di dare queste informazioni.

Buon lavoro a tutti.
Francesco Lagioia